I minerali sono una piccola parte della dieta del cavallo, però giocano un ruolo fondamentale nell’alimentazione.
Questi nutrienti, che si trovano nei foraggi, nei mangimi e nei supplementi, aiutano la crescita scheletrica, le funzioni corporee e la salute di zoccoli e manto. Inoltre, un loro corretto bilanciamento supporta le performance del cavallo in particolar modo se sotto sforzo.
La maggior parte dei minerali sono naturalmente disponibili in fieno ed erba fresca e un cavallo adulto che si nutre con foraggi di buona qualità può generalmente soddisfare con essi i suoi fabbisogni di base (indicati dal National Research Council – NRC) di calcio, fosforo e magnesio.
Purtroppo però la qualità dei foraggi può variare molto a seconda di specie foraggiera utilizzata, periodo dell’anno e luogo di provenienza. La disponibilità dei nutrienti non è sempre costante e ciò può rappresentare un rischio per i soggetti sottoposti ad elevata attività fisica che presentano fabbisogni più elevati di minerali rispetto a cavalli in mantenimento.
Può essere opportuno integrare al fieno mangimi commerciali, più bilanciati e costanti nel tempo, per evitare spiacevoli carenze alimentari e garantire il fabbisogno minimo giornaliero al proprio cavallo.

Ma quando è consigliato utilizzare i supplementi e quando no?
Ovviamente si suggerisce l’utilizzo di supplementi laddove non si introduca naturalmente la quantità consigliata da somministrare al cavallo indicata nel cartellino del mangime.
Inoltre un supplemento minerale è molto utile anche in cavalli alimentati con cereali semplici che naturalmente sono carenti in minerali essenziali o in cavalli che vengono alimentati solo con foraggi.
Anche in cavalli sottoposti ad intensa attività fisica il supplemento può rivelarsi necessario dati i loro elevati fabbisogni di minerali.
Indicato è anche l’uso di elettroliti nelle stagioni calde e in cavalli che sudano molto per reintegrare sodio, cloro, calcio e potassio persi con il sudore.

L’utilizzo di mangimi commerciali, l’analisi dei foraggi della dieta e la consulenza di un nutrizionista sicuramente sono consigliabili per evitare problemi derivati da un dosaggio di minerali non adeguato.

Print Friendly, PDF & Email