Per addestrare un puledro si hanno a disposizione sostanzialmente 2 metodi: tradizionale ed etologico. Per metodo tradizionale si intende la doma di un cavallo che ha come risultato finale la sottomissione dell’animale alla volontà dell’addestratore, mentre con il metodo etologico si cerca di ottenere la fiducia del cavallo, facendogli riconoscere l’uomo come leader.

Ma quale dei due metodi è migliore per il benessere del cavallo?

Uno studio delle Università di Pisa, Vienna e Bristol dal titolo “Dosaggio del cortisolo fecale in cavalli addestrati con tecnica etologica e tradizionale” ha analizzato la reazione di due gruppi di cavalli all’addestramento tradizionale ed etologico per capire quale delle due tecniche sia più indicata a garantire il benessere del puledro. Per misurare lo stress che si genera con l’addestramento, è stata utilizzata la quantità di cortisolo presente nelle feci degli animali dopo il lavoro svolto, assieme alla valutazione di alcuni indici comportamentali, come attenzione, investigazione, comportamenti aggressivi, tentativi di fuga, ecc. In particolare, il cortisolo è un ormone la cui produzione viene associata a fenomeni di stress, quindi la sua concentrazione ci dà chiari segnali sul benessere.

I risultati che sono emersi dalla misura del cortisolo fecale non hanno evidenziato differenze significative tra i due gruppi di cavalli, ma sono state rilevate delle variazioni in entrambi dall’inizio del periodo di addestramento, che potrebbero indicare come l’attività di doma, indipendente dal metodo utilizzato, rappresenti un periodo di stress per l’animale. Al contrario, per quanto riguarda la misura degli indici comportamentali, sembra che il metodo etologico, abbia avuto una risposta del cavallo più positiva (meno tentativi di fuga ed aggressività verso l’addestratore). Forse perché in questo tipo di doma si cerca di cogliere l’attenzione del cavallo, generando una minore pressione da parte dell’uomo, in quanto si lascia all’animale più libertà di esplorare l’ambiente e di adattarsi alle nuove situazioni.

Print Friendly, PDF & Email