Il termine “binomio” sta ad indicare uno speciale rapporto di reciproca fiducia e rispetto che si instaura tra uomo e cavallo. Questa relazione che può venirsi a creare tra umano ed animale è caratterizzata da un forte affiatamento, un legame talmente unico al punto da creare una sincronia emotiva.

A questo risultato ha condotto la recente ricerca svolta da un gruppo di etologi e ingegneri dell’Università di Pisa. Gli studiosi hanno misurato la sincronizzazione indotta dalla stimolazione emotiva nell’interazione fra esseri umani e cavalli, mettendo a confronto i rispettivi ritmi cardiaci. I parametri fisiologici di umani e cavalli sono stati registrati in tre diverse situazioni:
• nella prima i soggetti non avevano nessun tipo di interazione tra di loro;
• nella seconda l’uomo era seduto e il cavallo era libero di annusarlo;
• nella terza l’uomo spazzolava il cavallo.

In particolare è stata misurata la variabilità delle attività cardiache dei soggetti utilizzati per la prova, per verificare come cambiano a seconda delle situazioni. Per fare ciò i ricercatori hanno utilizzato un sistema di rilevazione indossabile sia dal cavallo che dal soggetto umano: si tratta di una fascia toracica per il cavallo e di una maglietta per il soggetto umano realizzati con uno speciale tessuto sensorizzato in grado di rilevare l’attività cardiaca.

I risultati hanno dimostrato come, sia nella seconda fase che nella terza, i parametri misurati sia per il cavallo che per la persona finiscono per avere lo stesso andamento, proprio come se provassero le stesse emozioni!

Questa scoperta apre uno scenario per ulteriori ricerche in merito ed è già stato creato dagli stessi ricercatori un altro speciale tessuto da mettere sotto la sella per misurare cosa accade anche a cavallo e cavaliere quando si forma il cosiddetto “binomio” e dimostra ancora una volta la grande sensibilità dei cavalli, aprendo importanti spunti di riflessione sul nostro modo di relazionarci con loro.

Print Friendly, PDF & Email